BEAUTY GUIDE

COME LEGGERE L’INCI DEI COSMETICI

24 Febbraio 2020
inci cosmetici naturali

COME LEGGERE L’INCI DEI COSMETICI

Hai scoperto la cosmesi naturale e desideri saperne di più? Il primo passo da compiere per avvicinarsi a questo mondo così vasto è senza dubbio imparare a leggere correttamente l’INCI dei cosmetici, per saper riconoscere in autonomia quali ingredienti sono dannosi per la nostra pelle e per l’ambiente (e che, quindi, non dovrebbero essere presenti all’interno dei prodotti che ci accingiamo ad acquistare) e quali invece potrebbero essere adatti alle nostre esigenze.

Spero che questo approfondimento possa rispondere a molte delle domande che mi vengono poste più di frequente, soprattutto da parte delle nuove lettrici. Per qualsiasi dubbio rimango a diposizione come sempre, scrivetemi nei commenti oppure attraverso i social e sarò felice di rispondervi. Buona lettura!

L’INCI – COS’E’ E COME DEVE ESSERE INTERPRETATO

inci cosmetici L’etichetta di un prodotto può essere considerata come la sua carta d’identità: su di essa possiamo trovare tutte le informazioni utili per poter valutare la sua composizione.

La lista degli ingredienti, conosciuta in gergo tecnico come INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), è stata prevista come obbligatoria per legge a partire dal 1997 per consentire di definire in modo univoco il nome delle sostanze impiegate all’interno del prodotto cosmetico.

Per una lettura corretta dell’INCI è importante conoscere prima di tutto alcune regole di interpretazione:

  • ordine degli ingredienti: l’elenco segue un ordine ben preciso, basato sul peso. Quindi al primo posto viene indicato l’ingrediente presente in quantità maggiore, seguono via via gli altri componenti con concentrazioni minori. Gli ingredienti in quantità inferiore all’1% possono essere elencati in ordine sparso nella parte finale dell’elenco.
  • nome degli ingredienti: gli ingredienti di uso comune sono indicati con il sostantivo (generalmente in latino) con cui sono elencati sul codice farmaceutico ufficiale, la Farmacopea Europea. Le sostanze chimiche sintetiche, così come i derivati vegetali che hanno subito una trasformazione chimica, vengono indicati con il nome tecnico in inglese. I derivati vegetali che non hanno subito altri trattamenti oltre l’estrazione vengono indicati con il nome botanico latino della pianta di origine, eventualmente seguito dal tipo di estratto e dalla parte di pianta da cui sono ottenuti, entrambi riportati in inglese.
  • i coloranti: solitamente sono indicati alla fine dell’elenco e vengono riportati con il nome che è stato loro attribuito in base ad una lista internazionale, che prevede l’indicazione della sigla CI (“Color Index”) seguita da un numero identificativo.
  • gli ingredienti provenienti da agricoltura biologica: sono designati con un asterisco sull’INCI (*).
  • non sono considerate ingredienti: le impurità contenute nelle materie prime né le sostanze tecniche secondarie usate nella fabbricazione, ma che non compaiono nella composizione del prodotto finito.

Conoscere esattamente la composizione e le materie prime dei prodotti che stiamo acquistando ci aiuta a scegliere in maniera consapevole. Ci consente di rispettare l’ambiente e di optare per prodotti biologici privi di sostanze inquinanti ed ecosostenibili, senza sprecare tempo e denaro in cosmetici di scarsa qualità che potrebbero essere nocivi per la nostra salute.

Spesso si è portati erroneamente a pensare che il prezzo elevato di un prodotto cosmetico sia sempre segno di alta qualità. Alcuni studi condotti su gruppi di donne alle prese con creme delle quali non conoscevano il prezzo, hanno messo in luce che quelle convinte di utilizzare le più costose fossero davvero più soddisfatte delle altre. Eppure, facendo in seguito esami dermatologici obiettivi, il risultato in termini di efficacia era risultato simile per tutte.

Questo è un caso emblematico che dimostra quanto la confezione, il packaging e la pubblicità possano influenzare il giudizio del consumatore.

L’INCI – GLI INGREDIENTI DA EVITARE

inci cosmeticiAbbiamo sempre pensato che se un ingrediente è consentito dalla legge sia innocuo e possa essere utilizzato senza alcuna conseguenza. Purtroppo non è sempre così. La legge prevede solo le concentrazioni massime consentite.

Ci sono ingredienti autorizzati che potrebbero essere fonti potenziali di allergie e intolleranze, molti altri inoltre risultano addirittura dannosi per l’ambiente perchè altamente inquinanti.

Per questo è importante imparare a riconoscere all’interno dell’INCI quali siano quelle categorie di ingredienti che non dovrebbero essere presenti in un cosmetico rispettoso dell’ecosistema e della nostra salute.

PETROLATI: è facile ricordare cosa siano, dal momento che, come suggerisce il nome, sono derivati del petrolio. Quindi possono essere considerati sostanze di scarto che vengono utilizzate in cosmetica. Tra i petrolati più diffusi troviamo paraffina (paraffinum liquidum), petrolatum, vaselina o mineral oil. Sono dannosi perché contengono sostanze oleose occlusive, che impediscono la naturale traspirazione e disidratano la pelle. Incentivano la comparsa di brufoli, punti neri e incrementano la proliferazione batterica. A seconda del quantitativo di residui di raffinazione in essi contenuti, possono risultare cancerogeni.

SILICONI: sono polimeri inorganici ampiamente utilizzati per la produzione di fondotinta, prodotti per capelli e altri cosmetici. Tra i siliconi più diffusi troviamo il dimethicone e cyclopentasiloxane. Vengono scelti perché sono versatili, resistono ai cambiamenti di temperatura e hanno proprietà idrorepellenti. Perché sono potenzialmente dannosi e il loro uso andrebbe limitato? Perché regalano una sensazione illusoria di idratazione e morbidezza di pelle e capelli, mascherando il loro reale stato di salute. Infatti i siliconi agiscono creando una pellicola occlusiva che impedisce la traspirazione, pertanto possono causare irritazioni cutanee, brufoli, punti neri, ma anche doppie punte ed indebolimento dei capelli.

PARABENI: sono conservanti chimici e si riconoscono facilmente perché il nome dell’ingrediente termina con -paraben (metylparaben, etylparaben, ecc.…). Sono molto usati in cosmetica perché sono più economici rispetto alle loro alternative organiche e perché essendo antibatterici permettono di aumentare la durata nel tempo del prodotto, quindi la sua scadenza. Sono dannosi perché sono capaci di penetrare a fondo nell’epidermide ed accumularsi, andando ad influenzare il normale funzionamento delle ghiandole che producono ormoni, soprattutto gli estrogeni.

TENSIOATTIVI: sono i famosi SLS (sodium lauryl sulfate) e SLES (sodium laureth sulfate). Sono molto usati perchè sono economici e hanno un elevato potere schiumogeno. In realtà sono inquinanti per l’ambiente e molto irritanti per la pelle. Il loro uso prolungato può causare disidratazione, prurito, forfora. Inoltre sul lungo periodo possono alterare il ph della nostra pelle.

PEG: l’acronimo significa “Poli Etilene Glicole” e fa riferimento a derivati del petrolio utilizzati nei cosmetici come emulsionanti. Sono dannosi perché agevolano l’assorbimento delle sostanze contenute nei cosmetici, sia quelle innocue, sia quelle dannose. Nell’INCI la sigla PEG è seguita da un numero (ad es. PEG-100): più il numero è alto, più è elevata la possibilità che il prodotto contenga residui di produzione tossici.

SALI DI ALLUMINIO: sono degli anti traspiranti e vengono impiegati nei deodoranti. L’argomento deodoranti è molto delicato e anche molto complesso, non a caso sarà oggetto di un approfondimento a parte che verrà pubblicato nelle prossime settimane (se vi interessa rimanere aggiornate, non dimenticatevi di iscrivervi alla newlsetter del blog!).  Bisogna partire dal presupposto che il sudore non deve essere bloccato, perché è lo strumento attraverso il quale il nostro corpo regola la temperatura ed espelle le tossine. Ciò che genera il cattivo odore non è il sudore in sè, bensì i batteri presenti sulla pelle. Quindi gli antitraspiranti occludono i pori, impediscono una corretta sudorazione e sono anche molto irritanti. Diversi studi inoltre stanno analizzando la loro correlazione con malattie molto serie, come cancro al seno e Alzheimer.

L’INCI – QUALI STRUMENTI POSSIAMO UTILIZZARE?

inci cosmeticiQuesta è una panoramica sulle categorie di ingredienti che sarebbe bene imparare a riconoscere all’interno dell’INCI di un cosmetico per poterle evitare.

Ovviamente con l’esperienza diventa semplice individuarli al primo colpo d’occhio, ma chi di voi desidera iniziare ad approcciarsi alla lettura di un INCI può fare riscorso a degli strumenti molto utili: sono ormai molto diffuse le app da scaricare sul cellulare che analizzano gli ingredienti , ma è possibile anche fare ricorso ad uno strumento intuitivo e collaudato, il Biodizionario.

Il Biodizionario rappresenta da quasi venti anni lo standard più usato nel settore dell’eco-cosmesi e detergenza per ciò che riguarda i componenti usati in Europa. Una volta inserito il nome dell’ingrediente nel motore di ricerca, compaiono dei bollini di diverso colore che classificano il componente in base a tutta una serie di fattori valutati: tossicità per l’uomo, sostenibilità per l’ambiente, biodegradabilità ecc…

Nello specifico:

  • Due pallini verdi indicano che l’ingrediente è promosso.
  • Un pallino verde che il componente è accettabile.
  • Un pallino giallo che la sostanza è dubbia.
  • Un pallino rosso sconsiglia l’utilizzo dell’ingrediente.
  • Due pallini rossi indicano che il componente è inaccettabile

L’INCI E L’ETICHETTA DI UN COSMETICO

inci etichetta di un cosmeticoE’ sempre importante ricordare che l’etichetta di un cosmetico non è costituita esclusivamente dall’INCI, ma che contiene anche altre informazioni che possono essere utili per valutarne l’acquisto e le corrette modalità di utilizzo.

Che differenza c’è tra PAO e scadenza?

I prodotti cosmetici che hanno una durata inferiore ai 30 mesi devono obbligatoriamente indicare la data di scadenza, la data dopo la quale il prodotto non può più essere utilizzato, a prescindere dalla sua apertura.

Per i cosmetici con periodo di validità superiore ai trenta mesi non è obbligatorio indicare la scadenza ma deve essere indicato il periodo di tempo in cui il prodotto, una volta aperto, può essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore. Si tratta del cosiddetto “PaO” (Period After Opening).

pao scadenza cosmetici inciL’indicazione in etichetta del Periodo Post-Apertura ha lo scopo di fornire al consumatore informazioni sulla stabilità del cosmetico ed è indicato da un simbolo (rappresentato da un barattolo di crema aperto) che viene apposto sia sul contenitore vero e proprio che sul confezionamento esterno. All’interno o accanto al simbolo è riportato il periodo di tempo (espresso in mesi seguito dalla lettera M) entro il quale il prodotto deve essere utilizzato a partire dalla prima apertura.

Il simbolo del PaO deve essere presente per legge sull’etichetta di tutti i prodotti cosmetici, ad eccezione di:

  • prodotti con un periodo di validità inferiore a 30 mesi, che presentano l’indicazione “Da consumarsi preferibilmente entro… “
  • prodotti monodose (es. campioni gratuiti)
  • prodotti confezionati in modo tale da evitare il contatto tra il cosmetico e l’ambiente circostante (es. aerosol)
  • prodotti per i quali il produttore certifichi che la formula è tale da impedire qualsiasi rischio di deterioramento che influisca negativamente sulla sicurezza del prodotto stesso nel corso del tempo.

La lettura attenta dell’etichetta di un cosmetico ci consente, infine, di poter verificare la presenza di eventuali certificazioni.

inci certificazioni

Individuare cosmetici realmente bio non è affatto facile, a causa della pratica sempre più diffusa del greenwashing: un’operazione di marketing grazie alla quale prodotti che in realtà hanno basse componenti realmente biologici vengono presentati come se fossero cosmetici completamente green quando in realtà non lo sono.

Chi non ha ancora le competenze o la pazienza di analizzare autonomamente l’INCI può cercare sull’etichetta del prodotto la presenza dei simboli realtivi alle principali certificazioni green, che vengono rilasciate solo se il cosmetico ha superato controlli molto scrupolosi e se i suoi ingredienti rispettano le linee guida della singola certificazione.

L’argomento delle certificazioni è molto vasto e verrà apporofondito in un articolo a parte, che pubblicherò nelle prossime settimane (se vi interessa rimanere aggiornate, non dimenticatevi di iscrivervi alla newlsetter del blog!).

Che differenza c’è tra un cosmetico naturale ed un cosmetico biologico?

Un cosmetico è:

  • naturale quando non contiene ingredienti di derivazione chimica, ma solo vegetale.
  • biologico quando contiene in altissima percentuale estratti da piante coltivate biologicamente, ovvero escludendo l’utilizzo di prodotti di sintesi e Ogm.

Saper distinguere se un prodotto appartiene alla prima o alla seconda macro-categoria è già un buon punto di partenza per approcciarsi alla scelta di un cosmetico. Vi ricordo che riconoscere la presenza di ingredienti derivanti da agricoltura biologica è molto semplice e chiaramente visibile a colpo d’occhio: all’interno dell’INCI sono identificati da un asterisco posto accanto al nome!

beauty guide

 

La tua guida beauty alla cosmesi naturale

Hai scoperto la cosmesi naturale e desideri saperne di più?

Vorresti conoscere quali ingredienti sono dannosi per la tua pelle?

Oppure utilizzi già cosmetici green ma sei interessata ad approfondire argomenti specifici per imparare al meglio come scegliere i prodotti più adatti a te?

In questa sezione del blog troverai un’utilissima guida alla cosmesi naturale in continuo aggiornamento, da consultare all’occorrenza. 

 

 

Ricordo a tutte le nuove lettrici che potete trovarmi su:

  • Instagram, con preview, anticipazioni sulle ultime novità del mondo della cosmesi biologica e del makeup (sia naturale che tradizionale), swatches e offerte.
  • Facebook
  • Potete iscrivervi -nella homepage o qui sotto nei commenti- alle “Bee News” (il servizio di newsletter del blog) per restare sempre aggiornati su novità, promo e sconti dedicati.
  • In questa pagina trovate tutti i codici sconto disponibili offerti dai partner del blog, buono shopping!

#INCI #BeautyGuide #CosmesiNaturale #BeautyExpert #thelifeofabee

 

 

 

 

 

You Might Also Like

26 Comments

  • Reply Fra 24 Febbraio 2020 at 14:13

    Un articolo molto interessante, soprattutto perché oltre a non sapere come leggere l’inci ignoravo l’esistenza delle certificazioni.

  • Reply Amalia 24 Febbraio 2020 at 14:38

    Grazie per queste info interessanti, mi hai dato delle indicazioni in più su come leggere l’inci

  • Reply lucia di tommaso 24 Febbraio 2020 at 14:44

    E’ molto importante conoscere gli ingredienti che compongono i prodotti che utilizziamo, la nostra pelle va difesa da ingredienti nocivi e dobbiamo sempre prediligere prodotti cosmetici con un ottimo inci

  • Reply Erika Cammarata 24 Febbraio 2020 at 15:32

    conoscere tutti i componenti dei prodotti che utilizziamo per il nostro corpo è importantissimo e quindi altrettanto importante è saperli leggere. purtroppo su queste cose non si hanno sempre le giuste informazioni e, per chi non se ne intende, spesso le informazioni che si ricevono sono “complesse”. tu sei stata molto chiara nelle spiegazioni e sicuramente dal tuo articolo ho imparato qualcosa

  • Reply Sheila 24 Febbraio 2020 at 16:08

    io sono negata per queste cose, ma chiaramente cerco di scegliere meglio che posso comprando prodotti bio conosciuti. Comunque grazie per tutte le info, ho imparato tante cose nuove.

  • Reply Laura 24 Febbraio 2020 at 16:38

    Io come app uso Greenity!

  • Reply Monica c 24 Febbraio 2020 at 18:37

    Complimenti, bellissimo articolo. Io sono abbastanza preparata perché leggo da un po’ di anni alcuni forum sull’argomento, ma avrei tanto voluto all’inizio un articolo chiaro ed esaustivo come il tuo!

  • Reply Raffaella 24 Febbraio 2020 at 19:16

    Grazie per questo info super dettagliate, sai che non avevo mai prestato così tanta attenzione? Da oggi seguirò il tuo vademecum.
    Raffaella

  • Reply Maria Domenica 24 Febbraio 2020 at 19:31

    È da qualche anno che mi soffermo spesso sugli ingredienti di un prodotto cercando di comprendere appieno la sua composizione e gli effetti a lungo termine di alcune sostanze. Il tuo articolo, a tal proposito, mi ha dato molte informazioni utili a riguardo. Grazie.
    Maria Domenica

  • Reply Esmeralda 24 Febbraio 2020 at 21:38

    Complimenti per il post. Utilissimo e soprattutto ben fatto con moltissime informazioni

  • Reply Valentina 25 Febbraio 2020 at 2:20

    Conoscevo l’inci e lo leggo spesso, sto sempre molto attenta quando compro un prodotto. Per fortuna ormai molti prodotti non contengono più parabeni, petrolati o siliconi.

  • Reply Manuela Iannacci 25 Febbraio 2020 at 10:00

    Molto utile il tuo articolo ed è pieno di informazioni da sapere!

  • Reply Barbara 25 Febbraio 2020 at 10:57

    Grazie, finalmente sono in grado di capirci qualcosa anch’io, post salvato, tornerò a leggerlo ogni volta che mi viene un dubbio!

  • Reply Chiara 25 Febbraio 2020 at 11:40

    L’articolo della vita da salvare e mandare a tutte le amiche! 😀

  • Reply Zelda 25 Febbraio 2020 at 13:07

    Complimenti per l’articolo e la guida completa per leggere al meglio linci; con questo articolo ho scoperto dei punti che non guardavo mai.

  • Reply Cristina 25 Febbraio 2020 at 14:07

    grazie per queste info super interessanti!!!

  • Reply Margot 25 Febbraio 2020 at 14:27

    Menomale che ci sei tu a darci i giusti consigli, grazie di cuore per questo articolo prezioso 😉

  • Reply Sara Bontempi 25 Febbraio 2020 at 14:42

    Grazie per tutte le informazioni che hai scritto in questo articolo, ho imparato un sacco di cose nuove!

  • Reply Saretta79 25 Febbraio 2020 at 15:12

    Non avevo mai capito molto dell’inci dei cosmetici che uso, il tuo articolo è molto ben fatto!

  • Reply Rita 25 Febbraio 2020 at 17:10

    Wow grazie per questo straordinario articolo!!
    Lo sai che mi sono posta moltissime volte la domanda di come venisse letto? Finalmente ho le idee più chiare!

  • Reply Francesca Maria 25 Febbraio 2020 at 17:26

    Da un pò di tempo a questa parte sono anche io molto più attenta alla composizione dei cosmetici. Grazie per questa tua guida. Davvreo molto ben fatta e molto utile a chi come me desidera approfondire.

  • Reply Mary 25 Febbraio 2020 at 22:32

    Non avevo mai capito queste deciture , articolo interessantissimo grazie

  • Reply Lorella 26 Febbraio 2020 at 13:32

    Complimenti, oggi ho visto sulla rivista “F” che sei stata intervistata per un articolo su ecologia e ambiente!!!
    L’articolo sull’INCI dei prodotti l’ho trovato utilissimo.

  • Reply Nicoletta 26 Febbraio 2020 at 13:39

    Una guida davvero completa e chiara!
    Costringero’ le mie amiche a seguirla scrupolosamente😃😃😃

  • Reply anna 27 Febbraio 2020 at 9:36

    è molto importante saper leggere l’inci di un prodotto cosmetico perchè ne va della salute della nostra pelle e del nostro benessere generale

  • Reply Alessia 27 Febbraio 2020 at 10:18

    L’inci non lo leggo mai, e sbaglio, perché effettivamente è’ molto importante

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Logo | The Life Of A Bee
    Vorresti conoscere meglio il mondo della cosmesi naturale e del make-up?
    Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti sulle ultime novità, codici sconto attivi, recensioni dettagliate e approfondimenti.
    Ti aspetto!