Solari

PARLIAMO DI ABBRONZATURA E PROTEZIONE SOLARE

21 Giugno 2019
abbronzatura creme solari

PARLIAMO DI ABBRONZATURA E PROTEZIONE SOLARE

L’estate è finalmente arrivata, ora più che mai è il momento di affrontare un argomento molto importante: quello dell’abbronzatura, degli SPF e di come esporsi al sole in sicurezza.

Oggi parleremo dei filtri solari utilizzati all’interno dei cosmetici, dei rischi dell’esposizione al sole e di  quanto sia importante scegliere di utilizzare prodotti ben formulati e con filtri fotostabili.

Mettetevi comodi e iniziamo subito, buona lettura!

ABBRONZATURA E SOLARI – L’IMPORTANZA DELLA PROTEZIONE

abbronzatura solariL’argomento solari è sempre molto dibattuto, oltre che fonte di numerosi dubbi e disinformazione. Oggi cercheremo di approfondirlo insieme, partendo però da un presupposto fondamentale: l’utilizzo della protezione solare non deve essere limitato solo al periodo estivo, ma è un\’abitudine che dovremmo avere durante tutto il corso dell’anno.

Ovviamente durante i mesi estivi l’argomento viene affrontato più spesso, dal momento che le alte temperature ci consentono di indossare indumenti corti e di esporci al sole in costume. Tuttavia i raggi del sole hanno effetti sulla nostra pelle sempre, tutto l’anno e in qualsiasi condizione climatica (si, ci si può scottare anche quando è nuvoloso!).

Ricordiamoci sempre che l’abbronzatura che tanto amiamo altro non è se non un meccanismo di difesa della nostra pelle nei confronti dei raggi solari.

Un\’esposizione solare senza le giuste precauzioni può provocare danni anche molto gravi. Tra quelli diretti e immediati troviamo disidratazione, arrossamenti, scottature, ustioni ed eritema. Tra quelli indiretti un danneggiamento progressivo, dall’interno, dell’equilibrio e della salute della nostra pelle: invecchiamento precoce, comparsa di rughe, alterazione della pigmentazione, meccanismi di degenerazione fino a forme tumorali come il melanoma.

Le scottature, inoltre, non sono da considerarsi come banali inestetismi momentanei ma come l’anticamera di lesioni profonde della pelle. Protezione e prevenzione sono fondamentali per il mantenimento di una pelle sana. È bene evitare sia l’esposizione cronica al sole sia l’esposizione violenta ed intermittente, che non permette al corpo di abituarsi e di attivare le proprie difese.

Seguire alcuni semplici regole può aiutarci a prevenire danni anche molto gravi alla nostra pelle: evitare l’esposizione al sole nelle ore di massima irradiazione (ore 11-16), scegliere una protezione solare ad ampio spettro, applicarla in modo uniforme ed in quantità sufficiente, rinnovare l’applicazione ogni due ore o dopo ciascun bagno in acqua, evitare lampade e lettini abbronzanti, utilizzare cappelli e occhiali da sole con filtri UV, evitare di esporsi al sole se si assumono farmaci fotosensibilizzanti.

La luce solare è composta da tre tipi di onde, che differiscono per lunghezza e frequenza:

  • Luce visibile: è quella che illumina il nostro pianeta ed è visibile appunto  ad occhio nudo.
  • Raggi Infrarossi: sono responsabili del “riscaldamento” e a bassa energia, pertanto non sono pericolosi per la nostra salute.
  • Raggi Ultravioletti (Uv): si dividono in: UvA-UvB e UvC.

In particolare:

  • Gli UVC hanno una lunghezza d’onda che va dai 100 ai 280 nm. Sono quelli a più elevato livello energetico, ma vengono assorbiti per lo più dall’atmosfera e solo una minima quantità riesce a raggiungere la nostra pelle.
  • Gli UVA hanno una lunghezza d’onda che va dai 315 ai 400 nm. Questi risultano essere molto penetranti e in quanto tali sono in grado di raggiungere il derma e alterare la struttura delle fibre di collagene e dell’elastina causando così un invecchiamento precoce della cute e favorendo inoltre l’insorgenza di altre patologie cutanee.
  • Gli UVB hanno una lunghezza d’onda di 280-315 nm, sono meno penetranti rispetto agli UVA e colpiscono lo strato più superficiale della pelle, l’epidermide. Da essi dipende l’abbronzatura, ma sono anche i responsabili di scottature, eritemi e di altre malattie della pelle. Anch\’essi vengono in parte filtrati in parte dall’atmosfera, che attualmente riesce a bloccarne circa il 95%, tuttavia a causa del buco dell’ozono questa percentuale è in graduale diminuzione.

Non tutte le tipologie di pelle reagiscono allo stesso modo ai raggi solari né raggiungono lo stesso livello di abbronzatura. Per questo è importante riconoscere a quale fototipo si appartiene per individuare la protezione solare più adatta. Esistono 6 fototipi diversi, individuati in base alla carnagione, al colore dei capelli, degli occhi, alla presenza di lentiggini e alla capacità di abbronzarsi.

  • FOTOTIPO 1 – Protezione molto alta SPF 50+: pelle chiarissima, occhi chiari, lentiggini, capelli biondi o rossi. Chi fa parte di questo fototipo è estremamente fotosensibile, si scotta facilmente e non si abbronza quasi mai. È importantissimo proteggere la pelle sia prima sia durante l’esposizione al sole, utilizzando una crema solare SPF 50+.
  • FOTOTIPO 2 – Protezione da molto alta ad alta SPF 50 / SPF 30: pelle chiara e sensibile, che si abbronza poco e si scotta con facilità, occhi e capelli chiari. In questo caso, è consigliabile iniziare a utilizzare una protezione solare medio-alta al cambio di stagione, soprattutto sul viso. In estate, invece, è meglio optare per un SPF 50 alle prime esposizioni sotto il sole, per poi passare a un SPF 30.
  • FOTOTIPO 3 – Protezione media SPF 25 / SPF 20: incarnato medio, pelle sensibile, occhi e capelli castano chiaro. Chi rientra in questo fototipo raggiunge facilmente un buon livello di abbronzatura e si scotta solo di rado. È consigliabile una protezione media SPF 25, per difendere la pelle dal foto-invecchiamento, idratandola e proteggendola.
  • FOTOTIPO 4  – Protezione media SPF 20 / SPF 15: capelli bruni o castani, occhi scuri e pelle olivastra, che si abbronza rapidamente e si scotta molto raramente. Si consiglia di applicare una protezione SPF 20, diminuendo gradualmente il fattore di protezione man mano che ci si espone al sole.
  • FOTOTIPO 5 – Protezione bassa SPF 10: carnagione olivastra, capelli neri, occhi scuri. In casi come questo è sufficiente una crema solare SPF 10 per difendere la pelle dai raggi UV. Chi appartiene a questo fototipo non si scotta quasi mai e si scurisce immediatamente sotto il sole.
  • FOTOTIPO 6 – Protezione bassa SPF 10 / SPF 6: pelle scura, occhi scuri e capelli neri. Questo fototipo, tipico delle persone di colore, necessita di una protezione molto bassa per proteggere comunque la pelle dai raggi UV. Si consiglia l’applicazione di una protezione SPF da 10 a 6.

ABBRONZATURA E SOLARI – L’SPF

abbronzatura spfL’SPF è il Fattore di Protezione Solare – Sun Protection Factor.

Viene espresso in forma di valore numerico e viene determinato mediante appositi test, fisici e biologici, che prevedono prove in vitro oppure in vivo

  • il metodo in vitro prevede l’utilizzo di uno spettrofotometro, quindi l’esecuzione di test spettroscopici che consentano di determinare l’SPF di una dato prodotto solare.
  • Nel metodo in vivo, i test vengono eseguiti su volontari e l’SPF viene valutato attraverso la MED (Dose Minima Eritematogena), che indica la più bassa dose di raggi UV richiesta per produrre nei volontari un arrossamento cutaneo visibile a distanza di 24-26 ore dall’esposizione alle radiazioni ultraviolette.

Il valore di SPF minimo consentito è pari a 2, tuttavia, i prodotti che possiedono un valore di SPF inferiore a 6 non possono essere definiti come “protezioni solari”, ma sulla confezione devono riportare la dicitura “abbronzanti”.

Secondo quanto previsto dalla normativa vigente, i prodotti che possono essere definiti come protezioni solari devono possedere un valore di SPF compreso nei seguenti range:

  • SPF 6-10 (protezione solare bassa)
  • SPF 15, 20 o 25 (protezione solare media)
  • SPF 30-50 (protezione solare alta)
  • SPF ≥ 50+ (protezione molto alta).

E\’ sempre bene ricordare che l’SPF indica il livello di protezione fornito dal prodotto solare contro i raggi ultravioletti di tipo B e non contro quelli di tipo A.

Come vi accennavo all’inizio le radiazioni UVA non sono eritematogene come le radiazioni UVB ma tendono a stimolare la maturazione della melanina. Per la valutazione e la quantificazione numerica della protezione dai raggi UVA si possono utilizzare diversi parametri misurati in vitro o in vivo, come l’Immediate Pigment Darkening (IPD) e il Persistent Pigment Darkening (PPD). Quest\’ultimo parametro, in particolare, prende in considerazione la pigmentazione persistente di volontari dotati di buone capacità di pigmentazione (aventi fototipo III-IV) in seguito all’esposizione ai raggi UVA.

La protezione dai raggi UVA garantita deve essere uguale o superiore a 1/3 della protezione fornita contro i raggi UVB. Pertanto, all’aumentare dell’SPF, dovrà aumentare anche il livello di protezione contro le radiazioni ultraviolette di tipo A.

Bisogna prestare molta attenzione anche ad alcuni claim pubblicitari che spesso incontriamo sulle etichette: fino a qualche tempo fa, infatti, sulla confezione dei prodotti con SPF superiore a 50 era riportata la scritta “schermo totale” o “protezione totale”. Attualmente, simili diciture non possono più essere utilizzate, poiché nessun prodotto solare è in grado di garantire una protezione assoluta e totale dalle radiazioni ultraviolette.

ABBRONZATURA E SOLARI – FILTRI CHIMICI E FISICI

protezione filtri abbronzaturaLe diverse tipologie di formulazioni possibili (con filtri chimici, con filtri fisici o con filtri associati) che caratterizzano i prodotti solari non si distinguono in base alla maggiore o minore efficacia, ma secondo il meccanismo di azione e alle caratteristiche formulative.

Nel linguaggio comune, quando si parla di filtri solari, si è soliti fare delle distinzioni che a ben vedere dal punto di vista semantico non sarebbero propriamente esatte:

  • filtri fisici/filtri chimici: tutti i filtri solari sono fisici , in quanto il fenomeno fisico di assorbire, diffondere e/o riflettere le radiazioni elettromagnetiche è comune a tutte le sostanze. Così come tutti i filtri solari sono chimici, in quanto tutte le sostanze esistenti (persino l’acqua) sono in realtà sostanze chimiche.
  • filtri minerali/non minerali: sarebbe più corretto parlare di filtri metallici/non metallici, in quanto i cosiddetti filtri minerali più comuni -ossido di zinco e biossido di titanio- come si evince anche dal nome sono “ossidi” di metallo, frutto di una lavorazione chimica.

Ad ogni modo esamineremo insieme le due categorie principali così come vengono comunemente conosciute.

I filtri fisici, anche detti inorganici, hanno proprietà schermanti. Si tratta di sostanze che, grazie alla loro opacità, oppongono un vero e proprio schermo alle radiazioni UV.

Sono formati da piccole particelle minerali in grado di riflettere i raggi solari. A differenza dei filtri solari chimici, non provocano il surriscaldamento della pelle e non vengono alterati dalle radiazioni solari (vengono considerati, quindi, fotostabili). Sono in grado di respingere sia le frequenze UVA che quelle UVB (possono essere considerati come degli specchi e ci proteggono dalle radiazioni dannose tramite un meccanismo di riflessione/diffusione). Si tratta di sostanze inerti, fotostabili, particolarmente sicure per la salute della pelle. Rispetto ai filtri chimici hanno un potere allergizzante minore. Nella maggior parte dei casi si tratta di filtri solari naturali, ma possono anche essere prodotti artificialmente e, dunque, essere sintetici.

Gli schermanti fisici più utilizzati sono l’ossido di zinco e il biossido di titanio.

I filtri chimici sono sostanze di sintesi in grado di catturare l’energia delle radiazioni UV per evitare che queste raggiungano e danneggino le cellule dell’epidermide e del derma.

Assorbono in modo selettivo le radiazioni UVA e UVB, agendo su lunghezze d’onda diverse. Queste molecole una volta assorbite, scompongono le radiazioni del sole, trattengono l’energia per poi rilasciarla sotto forma di calore (per questo generano la tipica sensazione di calore sulla pelle).

I filtri solari chimici hanno il vantaggio di essere più economici, più facilmente lavorabili e di consentire la realizzazione di cosmetici più confortevoli per il consumatore (rendono la fomrulazione più leggera e facilmente spalmabile). Di contro non tutti sono fotostabili e possono inoltre provocare irritazioni, fototossicità e sensibilizzazioni (nei casi più gravi possono provocare danni al sistema endocrino). Basti pensare al filtro PABA, largamente usato in cosmetica fino al 2009, quando è stato vietato proprio perché accertato cancerogeno e fortemente sensibilizzante.

Tra i filtri chimici fotostabili maggiormente utilizzati troviamo: Octocrylen, Mexoryl, Tinosorb, Diethylhexyl Butamido Triazone, Octyl methoxycinnamate, Diethylamino Hydroxybenzoyl Hexyl Benzoate, Ethylhexyl Triazone, Drometrizole Trisiloxane.

Entrambe le tipologie di filtri possono essere presenti in forma MICRO o NANO.

A livello formulativo, infatti, incorporare i filtri solari in un cosmetico può risultare particolarmente problematico, soprattutto in presenza di filtri fisici. Le prime formulazioni, infatti, avevano il problema di risultare difficilmente spalmabili e di lasciare sulla pelle una antiestetica patina bianca. Per ovviare a questo problema l’industria cosmetica ha cercato di intervenire sia sulla dimensione delle particelle sia sul loro rivestimento (più piccoli sono i minerali, minore sarà l’effetto patina e maggiore il comfort sulla pelle).

Si possono utilizzare, quindi, minerali micronizzati ridotti in particelle piccolissime oppure in formato nano, di dimensione ancor più ridotta.

Particelle di dimensioni talmente piccole, però, hanno sollevato il problema di una loro potenziale tossicità, in quanto sarebbero in grado di penetrare in profondità nei tessuti e negli organi. La comunità scientifica non si è ancora espressa in modo definitivo sull’argomento, tuttora sono in corso studi e ricerche, ma come sempre la prudenza non è mai troppa. Personalmente preferisco evitare solari che contengano nanoparticelle (riconoscerli è semplice: in etichetta, per legge, il nome della sostanza deve essere seguito dalla dicitura “nano” fra parentesi. Dove non è indicata la dicitura NANO significa che sono stati scelti filtri di dimensione superiore ai 100 miliardesimi di metro.)

Una valida alternativa al formato nano è quella dei filtri microincapsulati. Le particelle minerali vengono praticamente rivestite (di solito mediante acidi grassi), questo permette di renderle fotostabili ed impedirne l’agglomerazione, garantendo così una stesura più agevole del prodotto e un minor effetto “patina bianca”.

ABBRONZATURA E SOLARI – QUANTO APPLICARNE?

abbronzatura crema solareL’utilizzo corretto del solare è importante quanto la scelta del prodotto stesso: esso va infatti applicato nella giusta quantità e con frequenza. Non bisogna infatti commettere l’errore di pensare che l’utilizzo della protezione solare sia un ostacolo all’abbronzatura, anzi! Una esposizione al sole protetta e “sana” ci permetterà di raggiungere gradualmente un colorito intenso e durevole senza correre rischi.

La quantità minima da applicare dovrebbe corrispondere a quella utilizzata in occasione del test per determinare l’SPF cioè 2 mg/cm2.

Considerando la superficie media del corpo di un adulto si dovrebbero distribuire 30-35 grammi di prodotto, ovvero più o meno la grandezza di una pallina da golf per ciascuna applicazione. Questa quantità può sembrare eccessiva, ma è importante ricordare che riducendo la quantità applicata, si riduce anche il livello di protezione. Va ricordato anche che bisogna spalmare il solare sulla pelle asciutta, meglio prima dell’esposizione al sole e prima di mettere il costume, così da non dimenticare alcune zone del corpo come quelle vicine al bordo del costume.

Dal momento che il fototipo di una persona è il medesimo in tutto il corpo, in generale lo stesso prodotto è adeguato per ogni zona esposta al sole. Tuttavia bisogna considerare che alcune parti del corpo non sono abitualmente esposte al sole o sono comunque più delicate. È quindi consigliabile un solare con SPF maggiore ad esempio per il naso, le labbra e le orecchie, meglio se in stick, pratico e sicuramente resistente all’acqua. Per il corpo sono più pratiche da distribuire le formulazioni fluide, in latte o latte spray, mentre per il viso possono essere più piacevoli le texture cremose o anche protettivi colorati, soprattutto quando si desiderano minimizzare imperfezioni e discromie cutanee.

Per concludere desidero rispondere ad una domanda che mi viene posta spesso: il solare acquistato lo scorso anno si può ancora utilizzare?

Per rispondere è necessario controllare il PAO del prodotto, indicato sull’etichetta con il simbolo di un barattolino aperto recante una indicazione numerica accompagnata dalla lettera M.

Il PAO è il Period After Opening e indica per quanti mesi dopo l’apertura il prodotto mantiene le sue caratteristiche di funzionalità e di sicurezza. In generale un solare in latte o crema ha un PAO di 12 mesi, quindi se viene acquistato a inizio estate e per qualsiasi motivo non viene utilizzato tutto, è consigliabile finirlo in occasione delle prime e brevi esposizioni dell’anno successivo, cioè circa entro i 12 mesi indicati dal PAO (a patto che la confezione sia stata conservata correttamente, ben chiusa e non esposta a temperature eccessive). Se si tratta di un solare con protezione molto alta (SPF 50+), magari utilizzato da chi ha la carnagione molto chiara, è sempre meglio aprire una confezione nuova.

Ricordo a tutte le nuove lettrici che potete trovarmi su:

  • Instagram, con preview, anticipazioni sulle ultime novità del mondo della cosmesi biologica e del makeup (sia naturale che tradizionale), swatches e offerte.
  • Facebook
  • Potete iscrivervi -nella homepage o qui sotto nei commenti- alle “Bee News” (il servizio di newsletter del blog) per restare sempre aggiornati su novità, promo e sconti dedicati dagli e-commerce e dai brand partner.
  • In questa pagina trovate tutti i codici sconto disponibili offerti dai partner del blog, buono shopping!

 

You Might Also Like

23 Comments

  • Reply Silvia 20 Giugno 2019 at 17:53

    Finalmente un articolo chiaro e completo su questo argomento, ammetto che non sapevo diverse cose che ho letto. Grazier per aver fatto chiaarezza, è sempre un piacere seguirti!

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 17:57

      Grazie mille Silvia, sono contenta che ti sia stato utile! 🙂

  • Reply Isabella 20 Giugno 2019 at 18:48

    Hai fatto proprio bene a pararne perchè quando chiacchiero con le mie amiche mi rendo conto che c’è tanta disinformazione.. sento dire cose allucinanti (per non parlare di chi fa tutto l’anno le lampade….). Adesso gli dico di venire a leggere qui, così è la volta buona che imparano qualcosa! 😀

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 17:58

      Ciao Isabella, hai ragione, purtroppo la disinformazione è molto diffusa e pericolosa, parlare di solari non è mai abbastanza! Lampade e lettini solari sono molto pericolosi, sarebbe bene evitarli il più possibile. 🙁

  • Reply Nicoletta 20 Giugno 2019 at 19:13

    Ciao Valentina, mi sorprendi sempre! Ti seguo con curiosità perché imparo tante cose e leggendo i tuoi articoli approfondisco tante tematiche. Grazie per tutto!

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:00

      Ciao Nicoletta, ti ringrazio tanto, cerco sempre di proporvi contenuti interessanti, ogni tanto qualche approfondimento ad hoc non guasta! 🙂

  • Reply Lorella 20 Giugno 2019 at 21:09

    Dopo questa lettura seguirò i tuoi consigli, perché devo confessare che uso saltuariamente i solari e non mancano rughette ???

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:02

      Ciao Lorella, non dirmelo!! Mi raccomando, protezione solare sempre quando ci si espone al sole. I danni maggiori purtroppo non si riscontrano nell’immediato, ma su lungo periodo.. le rughette potrebbero dipendere anche solo dall’età, da una skincare non corretta e quotidiana..ma di sicuro esporsi al sole senza le adeguate precauzioni accelera l’invecchiamento cutaneo.

  • Reply Simona Focchi 20 Giugno 2019 at 22:38

    Anche oggi ho imparato qualcosa di nuovo. Per esempio non avevo mai sentito parlare di filtri nano, ora farò più attenzione quando acquisto i solari!

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:03

      Ciao Simona, ebbene si, esiste anche questo in alcune formulazioni. Per fortuna la presenza di nanoparticelle per legge dev’essere segnalata e non è difficile riconoscerla nella lista degli ingredienti 🙂

  • Reply Manuela55 21 Giugno 2019 at 7:40

    Complimenti per questo articolo davvero utile e molto interessante! Posso chiederti un consiglio sui solari? Tu con quali ti trovi bene per il corpo? Io tra i bio ancora non ho trovato qualcosa che mi soddisfi, li trovo tutti molto pesanti e mi fanno sudare tantissimo ? Grazie mille!

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:04

      Ciao Manuela, io nel corso degli anni ne ho provati diversi e attualmente i miei preferiti sono quelli di Alkemilla (versione in crema) e Bioearth (la prossima settimana pubblicherò una review su diverse referenze, potrai leggere cosa ne penso nello specifico!).

  • Reply Bea 21 Giugno 2019 at 8:47

    Quando ero più giovane per anni sono andata al mare senza usare nessuna crema solare e ora sono piena di macchie. Tornassi indietro non farei lo stesso sbaglio. Parlare di protezione solare è importante e ti ringrazio per averlo fatto.

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:06

      Ciao Beatrice, mi dispiace, purtroppo sono le conseguenze di una esposizione errata. Le macchie potrebbero dipendere anche dall’uso di cosmetici o farmaci fotosensibilizzanti oppure da cause ormonali, ma la protezione solare e la prevenzione sono sempre la miglior cura. Valuta questo inverno di fare un trattamento a base di acido glicolico per schiarire e uniformare l’incarnato. Se le macchie sono molte e scure però ti consiglio di rivolgerti ad un dermatologo e valutare se sia il caso di trattarle con il laser. Un abbraccio

  • Reply Giada G. 22 Giugno 2019 at 14:04

    Non sono ancora molto pratica di filtri solari e la tua spiegazione mi ha chiarito molti dubbi. Sto continuando a sperimentare prodotti diversi perché vorrei un solare il più naturale possibile ma che non sia difficile da stendere.

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:14

      Ciao Giada, allora potresti provare la linea Bioearth Sun, per esempio 🙂 La prossima settimana ne parlerò in modo approfondito qui sul blog se ti interessa!

  • Reply Alessandra 23 Giugno 2019 at 9:47

    Mi piace moltissimo il tuo modo di scrivere e di trattare qualsiasi argomento, lo trovo sempre professionale ma anche molto chiaro, ti seguo sempre con molto piacere!
    Avresti da consigliarmi una buona linea di solari adatta ai più piccoli? Sono una neo mamma e non ho idea di che prodotto comprare. Grazie!

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:16

      Ciao Alessandra, grazie mille, mi fa molto piacere! Come solari ti consiglio quelli della linea Sun di Bioearth oppure quelli di Alkemilla e Dr Taffi, sono tre ottimi brand che offrono solari con filtri sicuri 🙂

  • Reply Patrizia 23 Giugno 2019 at 17:51

    Fino ad ora non ho mai fatto troppa attenzione alle etichette dei solari. Anche perché di filtri non ci capisco niente! Leggere questo articolo però mi è stato molto utile, provo a guardare se i prodotti che uso contengono i filtri che hai citato, che se ho capito bene sono stabili e funzionano giusto?

    • Reply the life of a bee 23 Giugno 2019 at 18:17

      Ciao Patrizia, si esatto, quelli che trovi menzionati nell’articolo sono filtri fotostabili 🙂

  • Reply Chiaretta33 24 Giugno 2019 at 9:15

    Quante informazioni utili! Mi salvo questo articolo, mi tornerà utile quando dovrò comperare i solari nuovi per andare in vacanza?

  • Reply Serena 25 Giugno 2019 at 9:17

    Io ho una pelle chiarissima e devo usare sempre la protezione 50 ma tutte le creme che compro sono praticamente impossibili da stendere, divento bianca come un muro e sudo. Ma non posso fare in un altro modo quindi mi adatto. Me ne consigli una per il corpo decente se esiste?

  • Reply Carlotta 25 Giugno 2019 at 9:53

    Grazie per tutte queste informazioni, mi è piaciuto questo articolo. Non sono molto brava a leggere gli ingredienti ma sto iniziando a capirci qualcosa ed è difficile trovare informazioni ben scritte sui filtri solari. Ti leggo sempre, continua così!?

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Logo | The Life Of A Bee
    Vorresti conoscere meglio il mondo della cosmesi naturale e del make-up?
    Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti sulle ultime novità, codici sconto attivi, recensioni dettagliate e approfondimenti.
    Ti aspetto!